Bando INAIL per incentivi alle imprese per lo Smaltimento dell'Amianto

L’INAIL mette a bando contributi a fondo perduto per le imprese che Smaltiranno l'Amianto nei luoghi di lavoro.

Qualsiasi impresa, indipendentemente dal settore di appartenenza o dalla sua dimensione, può richiedere i fondi documentando in che modo aumenterà sicurezza e salute.

I contributi saranno a fondo perduto in conto capitale e pari al 65% delle spese ammesse dal bando, da un minimo di 5.000 € fino ad un massimo di 130.000 €. La richiesta si potrà inoltrare dal primo marzo al cinque maggio 2016 fino alle ore sei del pomeriggio.

Le domande devono essere caricate nell’ area servizi online dell’INAIL entro la scadenza prevista.

Le condizioni di partecipazione al bando sono:

  • presenza di una unità produttiva all’interno della regione in cui realizzeranno le opere di miglioramento di salute e sicurezza;
  • regolare iscrizione al Registro delle Imprese o all’Albo delle Imprese Artigiane;
  • l'impresa non deve essere in liquidazione o sottoposta a procedure concorsuali;

l’impresa deve avere versato regolarmente i contributi e dunque deve essere in regola con il DURC.

Scopri tutti gli incentivi smaltimento amianto

Incentivi Smaltimento Amianto: le Attività ammesse

Sono ammesse al bando tutte le attività e le opere che hanno il fine di migliorare la sicurezza sul posto di lavoro e la salute dei lavoratori. In particolare sono ammessi:

  • Opere volte al miglioramento di salute e sicurezza. Sono ammesse ristrutturazioni per la modifica degli ambienti di lavoro, acquisto di macchine o di dispositivi per lo svolgimento di attività in ambienti confinati, installazione, modifica o adeguamento di impianti elettrici, antincendio, di aspirazione e ventilazione.
  • Adozione di modelli organizzativi e di responsabilità sociale. Sono ammessi l’implementazione e la certificazione di sistemi di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL), l’adozione di un modello organizzativo e gestionale di cui all’art 30 del D.Lgs. 81/08 asseverato in conformità alla prassi di riferimento UNI/PdR 2:2013 in riferimento al settore delle costruzioni edili e di ingegneria civile, l’adozione di un modello organizzativo e gestionale conforme all’art. 30 del D.Lgs. 81/2008 e s.m.i anche secondo le procedure semplificate di cui al DM 13/2/2014, l’adozione di un sistema di responsabilità sociale certificato SA 8000, modalità di rendicontazione sociale asseverata da parte terza indipendente.
  • Bonifica dei materiali contenenti amianto. Sono ammessi gli interventi di bonifica tramite la rimozione e il successivo smaltimento di manufatti contenenti amianto. Sono quindi esclusi l’incapsulamento, il confinamento o lo smaltimento di manufatti rimossi in precedenza.
Incentivi nazionali per lo smaltimento dell’amianto ultima modifica: 2016-08-23T04:32:31+00:00 da ninni gullo