Le persone fisiche che sostengono delle spese per la Rimozione Amianto possono usufruire degli incentivi per la Ristrutturazione edilizia. L'incentivo è pari alla detrazione fiscale per le spese sostenute per la bonifica e smaltimento dell'amianto.

Detrazione fiscale del 50% per la rimozione dell'Amianto

Gli incentivi per la Ristrutturazione edilizia possono essere usufruiti per tutte quelle spese per lo smaltimento di manufatti quali tetti in amianto, serbatoi, canne fumarie e tubazioni in eternit.

La detrazione è pari al 50% delle spese sostenute, con un limite massimo di 96.000 euro per singola unità abitativa.
Inoltre è possibile usufruire dell’aliquota Iva agevolata del 10%.

Hanno diritto alla detrazione in alternativa al proprietario :

  • il nudo proprietario
  • il titolare di un diritto reale (usufrutto, abitazione o superficie, uso)
  • l’inquilino;
  • comodatario
  • i soci di cooperative
  • i soci delle società semplici
  • gli imprenditori individuali;

La detrazione spetta anche al familiare che ha sostenuto le spese se le fatture ed i bonifici risultino a suo nome. 

Scopri tutti gli incentivi smaltimento amianto

Slide_incentivi_rimozione_smaltimento_amianto

Cosa bisogna fare per usufruire della detrazione fiscale sulla rimozione amianto?

  1. Pagare con bonifico specifico per ristrutturazioni soltanto dopo emissione di regolare fattura;
  2. Se le norme di sicurezza lo impongono, inviare all'ASP ed all'Ispettorato del Lavoro una comunicazione prima di iniziare i lavori (Notifica preliminare);
  3. Bisogna pagare le spese detraibili tramite bonifico bancario o postale, specifico per la detrazione fiscale, indicando nella la causale del versamento, il numero di fattura, il codice fiscale del soggetto che paga ed il codice fiscale o numero di partita Iva dell'Impresa.

Il bonifico deve, infatti, contenere tutte le informazioni dell’Azienda che effettua i lavori pena in caso di un’errata compilazione, la perdita del diritto ai benefici fiscali.

Detrazione fiscale al 65% per gli interventi di smaltimento che prevedano la riqualificazione energetica

Nel caso di lavori rimozione amianto comprendano anche interventi di efficienza energetica, è possibile dedurre il 65% delle spese sostenute.
Ad esempio è possibile dedurre le spese per:

  • sostituzione di una vecchia caldaia con un impianto a risparmio energetico, ad esempio, nel caso in cui oltre alla canna fumaria in amianto venga sostituita pure la caldaia;
  • isolamento termico, ad esempio, nel caso in cui si sostituisca un tetto in eternit con un tetto coibentato che rispetti i requisiti prestazionali previsti dalla normativa;
  • installazione (anche ex novo) di pannelli per il solare termico, ad esempio, nel caso di sostituzione di una copertura in eternit;
  • la riqualificazione globale sotto l’aspetto energetico dell’intero edificio, comprendendo, ad esempio, oltre alla sostituzione di elementi in cemento amianto (serbatoi, canne fumarie, tubazioni, coperture) anche interventi edili finalizzati al risparmio energetico, che consentano di raggiungere i requisiti prestazionali previsti dalla normativa vigente.

Approfitta delle detrazioni fiscali per lo smaltimento dell'amianto al 50% ed al 65%

Contatta DGeco, ti seguiremo passo passo ed insieme selezioneremo l' agevolazione fiscale più conveniente per te.

Agevolazioni-Bonifica-Amianto

Detrazione Fiscale per lo smaltimento dell’Amianto ultima modifica: 2016-08-23T04:19:27+00:00 da Dgeco Smaltimento Amianto (Eternit)